Decontribuzione per i settori del turismo, degli stabilimenti termali e del commercio, nonché del settore creativo, culturale e dello spettacolo.

Circolare INPS 140 del 21 settembre 2021.

Segnaliamo la pubblicazione della circolare INPS n.140 del 21 settembre 2021 contenente le prime indicazioni operative per fruire dell’esonero contributivo previsto dall’art. 43 Decreto sostegni bis n.73/2021 per i settori del turismo e terme, commercio, cultura e spettacolo, che hanno sofferto maggiormente le conseguenze dell’emergenza connessa al COVID 19. Vediamo nei paragrafi seguenti i principali dettagli su beneficiari dello sgravio, la misura, le condizioni e la cumulabilità dell’esonero con altre agevolazioni contributive. Riguardo le modalità per la domanda e per la compilazione dei relativi flussi Unimens l’istituto annuncia che saranno fornite in un messaggio successivo.
Sono interessati i datori di lavoro privati dei settori del turismo e degli stabilimenti termali del commercio, del settore creativo, culturale e dello spettacolo, elencati nell’allegato 1 della
circolare e che hanno utilizzato la cassa integrazione per i propri dipendenti nei mesi di gennaio febbraio e marzo 2021. E’ previsto in particolare l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro fruibile dal 26 maggio 2021 il 31 dicembre 2021, nel limite del doppio delle ore di integrazione salariale già fruite nei mesi di gennaio, febbraio e marzo 2021, con esclusione dei premi e dei contributi dovuti all’INAIL.
L’esonero è riparametrato e applicato su base mensile”. La circolare specifica tutte le contribuzioni aggiuntive escluse dall’esonero e le modalità di applicazione.
Il diritto alla legittima fruizione dell’esonero contributivo è subordinato:

1. al rispetto delle norme poste a tutela delle condizioni di lavoro e dell’assicurazione obbligatoria dei lavoratori

2. a specifiche condizioni poste dal dl 73 2021, come il divieto di licenziamento fino al 31 dicembre 2021. Si sottolinea che il divieto opera fino alla suddetta data anche nelle ipotesi in cui l’effettiva fruizione dell’esonero abbia avuto termine anticipatamente e con riferimento all’intera matricola aziendale.

3. al rispetto della Comunicazione della Commissione europea C(2020) 1863 final, del 19 marzo 2020], recante “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19”(c.d. Temporary Framework)

L’esonero contributivo in trattazione è cumulabile con gli esoneri contributivi previsti a legislazione vigente, nei limiti della contribuzione dovuta e a condizione che per gli altri esoneri di cui si intenda fruire non sia espressamente previsto un divieto di cumulo con altri regimi. Ad esempio, l’esonero in trattazione non risulta cumulabile:
 con l’incentivo strutturale all’occupazione giovanile previsto dall’articolo 1, commi 100 e seguenti, della legge 27 dicembre 2017, n. 205  per i lavoratori per i quali si sta fruendo del c.d. incentivo “Iolavoro”,
 per i lavoratori assunti con il contratto di rioccupazione ( art 41 dl 73 2021) con esonero totale per sei mesi

Fonte: CASARTIGIANI